ORBIT - CRT NEWS
           
             
             
             
             
             
Open Panel

Yuri Gagarin e il primo viaggio nello spazio.  Il 12 aprile 1961 Yuri Gagarin ha aperto la via alle missioni umane di esplorazione dello spazio. A nemmeno quattro anni dal lancio dello Sputnik che aveva inaugurato l’era spaziale, era l’uomo a superare i confini dell’atmosfera. Un primato conquistato nel pieno della corsa allo spazio che vedeva Stati Uniti e Urss acerrimi rivali. Oggi molte cose sono cambiate da quel primo volo che portò Gagarin per 108 minuti tra le stelle e l’esplorazione spaziale è considerata impossibile senza una forte e ampia collaborazione internazionale.

Lo dimostra, ad esempio, la Stazione Spaziale Internazionale: la più grande struttura mai costruita nello spazio è nata dalla collaborazione fra Stati Uniti, Russia, Canada, Europa e Giappone. Per onorare lo storico viaggio del russo Gagarin, e il suo giro ellittico intorno alla Terra, l'Unesco ha designato il 12 aprile come "la giornata internazionale del volo dell'uomo nello spazio".  La Terra è blu "Vedo la Terra. È blu". Con queste parole, Yuri Gagarin, all'epoca ventisettenne, sancisce l'alba di una nuova era. Da allora, il modo in cui l'uomo ha visto l'immensità dell'universo non è più stato lo stesso. La partenza è fissata alle ore 9:07 fuso orario di Mosca. Gagarin pronuncia la celebre espressione - поехали! (pojechali - "andiamo!") al momento del decollo all'interno della navicella Vostok 1 (Oriente 1), guidata da un computer controllato dalla base. Il razzo lo porta oltre l'atmosfera. Gagarin percorre un'intera orbita ellittica intorno al nostro pianeta, alla velocità di poco più di 27 mila chilometri orari. L'altitudine massima dell'orbita è di 302 chilometri, la minima 175. Il primo volo umano nello spazio termina infine con l'atterraggio in un campo vicino alla città di Takhtarova. È durato meno di due ore, più che sufficienti per passare alla storia. Dopo quella fantastica avventura, il primo cosmonauta della storia, "il Cristoforo Colombo" dello spazio riceve glorie e onori: dal conferimento dell'Ordine di Lenin, la massima onorificenza sovietica, al battesimo dell'asteroide 1772 Gagarin, chiamato così in suo onore. Niente male per un ragazzo di umili origini, nato da padre falegname e madre contadina in un piccolo villaggio della Russia europea occidentale. Ottimi risultati a scuola nelle materie scientifiche, un diploma da metalmeccanico ma una sola, grande passione: il volo. Fu questa passione che lo spinse a entrare nell'aviazione russa, dove fu scelto come collaudatore, fino al 1959, quando entrò nella rosa dei candidati per il primo volo nello spazio. Una vita trascorsa sugli aerei. E in volo incontrò anche la morte. Aveva solo 34 anni quando il 27 marzo del 1968, morì a bordo di un caccia di addestramento. Un anno dopo, gli americani Neil Armstrong e Buzz Aldrin piantavano la bandiera americana nel polveroso suolo lunare. La Volstok Del peso totale di 4,7 tonnellate e alta 4,4 metri, la Vostok 1 ("Oriente 1" in russo) era costituita da due parti: un modulo abitabile di forma sferica, che ospitava l'astronauta, e un modulo di servizio provvisto della strumentazione di bordo, dei retrorazzi necessari a frenare e far ricadere la sonda a Terra e di 16 serbatoi contenenti ossigeno e azoto. La capsula abitata era dotata di tre oblò, un visore ottico da orientare a mano, una telecamera, la strumentazione per rilevare pressione, temperatura e parametri orbitali, un portellone e un sedile eiettabile lungo più o meno quanto l'abitacolo di una Fiat 500 (all'epoca il cosmonauta non atterrava insieme alla navicella, ma veniva espulso all'esterno e paracadutato a Terra in fase di rientro. (tratto da RaiNews24)

CONERO RADIO TEAM & A.I.R.S. VALLI DI LANZO (TO) PRESENTANO

"YURI GAGARIN AWARD" 8-9 aprile 2017

Bellissima la grafica di Danilo IZ1HVD

You have no rights to post comments

MAGNETIC FIELD

SOLAR ACTIVITY

ATTIVITA' SOLARE, clicca qui per andare alla nostra pagina aggiornata curata da iw6atq mentre trovi le aurore del periodo clicca qui clicca sulle foto per ingrandirle...

Login Form

LINKS LEFT





 

 

 

Chi è Online

Abbiamo 1022 visitatori e nessun utente online

Status C.R.T.

R5 Ancona è attivo e funzionante,
IGATE Aprs a 144.800 è attivo...
Echolink: IQ6KX-L sempre attivo, freq di uscita locale 433.250Mhz FM 3w
Discovery 2 Radio online
HamRadio Italia online
 Colleverde 2 Radio (Creative Commons) in test

 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

 

I NOSTRI ADESIVI

In pvc da 10cm di diametro. Ad offerta. Scrivici per richiederli a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. sosterrai cosi il nostro gruppo. Grazie!!

Conero Radio Team, Ancona Italy, IQ6KX, info c/o iw6atq, Giancarlo Marescia, 339.666.60.70

LINK AMICI


 

Una rete C.R.T.

A proposito di frequenze alte, da oggi è possibile trovare IW6ATQ su TG MARCHE del DMR, un mondo da scoprire...

Per essere sempre informato sui nostri articoli e iniziative puoi anche iscriverti alla nostra Newsletter scrivendo a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. mettendo semplicemente nell'oggetto "CRT MAILING LIST"

 
Non si cura di chiedersi se abbiate torto o ragione, fortuna o no, se siete ricco o povero. Siete il suo compagno e cio gli basta. Egli sarà sempre accanto a voi per confortarvi, proteggervi e dare se occorre la sua vita. E' il cane.  J.K. Jerome